L’idrovora di Lova nel percorso turistico per Expo 2015

L’idrovora di Lova, uno dei simboli della storia della bonifica del territorio veneziano, è stata stamane meta di una visita da parte di una delegazione di amministratori comunali e di rappresentanti delle categorie economiche della Riviera del Brenta nell’ambito dell’incontro con la presidente del comitato Expo Venezia, on. Laura Fincato. Ad accogliere gli ospiti, il presidente del Consorzio di bonifica ‘Acque Risorgive’, Ernestino Prevedello, che ha illustrato l’importanza di questo impianto sia come manufatto di archeologia industriale (durante la visita è stata messo in funzione il vecchio motore diesel, non più utilizzato per il sollevamento, risalente all’inizio dello scorso secolo) che come presidio per la sicurezza idraulica del territorio (oggi l’impianto è dotato di otto pompe, tra le quali una moderna pompa sommergibile che ha aumentato la portata a circa 12.000 litri al secondo). 
 
L’impianto idrovoro di Lova, assieme alle vie d’acqua ed alle altre eccellenze della zona, sarà una delle tappe del percorso turistico progettato dai comuni di Dolo, Fiesso d’Artico, Fossò e Campagna Lupia in vista dell’Expo 2015, evento che rappresenta un’opportunità di sviluppo anche per il territorio metropolitano.

Comunicato stampa visita Lova, Expo Venice 2015