Conclusi i lavori all’impianto idrovoro di Carmason a Quarto d’Altino

Il Consorzio di bonifica Acque Risorgive ha ultimato nelle scorse settimane alcuni importanti lavori di manutenzione straordinaria dell’impianto idrovoro di Carmason in comune di Quarto d’Altino, nelle aree a sud del capoluogo tra il nucleo abitato, la S.P. 41, via Claudia Augusta e il fiume Zero. L’intervento, per un importo a base d’asta di quasi 320 mila euro, era finalizzato in particolare a diminuire i diffusi fenomeni di allagamento e le difficoltà di deflusso delle acque che si sono manifestati in occasione di alcuni eventi climatici estremi, a partire da quello del settembre 2007.

“Grazie a questi lavori – spiega il direttore del Consorzio, ing. Carlo Bendoricchio – abbiamo inoltre dato attuazione alle proposte di intervento indicate nel Piano delle acque del Comune, rispondendo anche alle mutate necessità ed esigenze operative e di gestione dell’impianto idrovoro”.

L’impianto idrovoro Carmason, il cui fabbricato originario risale agli anni ’20 del secolo scorso, è posto a servizio di una superficie di oltre 1.400 ettari, di cui circa 1.052 ricadenti in territorio di Quarto d’Altino. Esso ha una potenzialità massima pari a 8.940 litri al secondo e solleva le acque del bacino scaricandole nel fiume Zero che, immettendosi poi sul Dese, le recapita direttamente in laguna di Venezia.

Nello specifico l’intervento realizzato dal Consorzio di bonifica Acque Risorgive è consistito nel potenziamento delle modalità di esercizio dell’impianto, nell’ampliamento e adeguamento del bacino di arrivo del collettore Carmason ed infine nell’eliminazione dei restringimenti presenti sull’asta principale dello stesso collettore.

SCARICA IL FILE IN PDF