Eletto il nuovo Cda, Cazzaro riconfermato presidente

Francesco Cazzaro, presidente uscente di Acque Risorgive, è stato riconfermato alla guida del Consorzio di bonifica per i prossimi 5 anni. L’elezione è avvenuta ieri, mercoledì 29 gennaio, nel corso della prima riunione della nuova assemblea uscita dalle urne il 15 dicembre scorso.

Cazzaro sarà affiancato dal vicepresidente Silvano Borile che ha ottenuto la fiducia grazie anche al fatto di essere stato il più votato dai consorziati. Completano il consiglio di amministrazione Fabio Livieri, già sindaco e consigliere comunale di Campagna Lupia e Sebastiano Cassandro, il più giovane tra gli eletti. Al quartetto si aggrega in rappresentanza della consulta dei sindaci Davide Bortolato, primo cittadino di Mogliano Veneto. Si attende ora la nomina del rappresentante della Regione Veneto. Intanto il nuovo Cda è già operativo.

“Ringrazio i consiglieri per avermi rinnovato la fiducia. Da parte mia – spiega il presidente rieletto – lavorerò per garantire una gestione condivisa, come è sempre stato nella tradizione di questo Consorzio, così da poter raggiungere meglio e più velocemente i nostri obiettivi che rimangono principalmente la riqualificazione dei corsi d’acqua e la mitigazione del rischio idraulico. Continueremo a lavorare per realizzare nuovi interventi sul territorio in collaborazione con la Regione e le amministrazioni locali”. A favore della riconferma di Cazzaro si sono espressi i unanimemente i componenti l’Assemblea consorziale.

Da parte sua il vicepresidente Borile, il più votato nella fascia 1, che rappresenta prevalentemente i contribuenti urbani, assicura l’impegno per le istanze dei consorziati che vivono nel comprensorio. Al rapporto con le amministrazioni locali guarda anche il consigliere Fabio Livieri, forte della sua positiva esperienza vissuta da sindaco nei rapporti con il Consorzio di bonifica. Positivi riscontri in assemblea anche per l’elezione di Sebastiano Cassandro.

Il nuovo Cda durerà in carica fino a dicembre 2024.